SASSI PELATI | CLAUDIO CORFONE | CARTA DA PARATI

Rosse macchie per i Sassi Pelati di Claudio Corfone.

Questo progetto, che incarna in macchie di colore rosso dei pomodori stilizzati, nasce originariamente da una collaborazione con gli spazi della stamperia d’arte Milanese 74/b & Milano Printmakers

Corfone concepisce una serie di opere (lavori grafiche, incisioni in acquatinta) capaci di dialogare tra loro al fine di immergere lo spettatore in un racconto, un percorso narrativo che parte dall’immaginario dell’ideatore e giunge, con forza e vivacità direttamente alla mente di chi osserva.

In linea con la sua pratica artistica, le stampe nascono dall’accostamento, spesso inaspettato, di parole che, proprio grazie a questa operazione imprevedibile, danno vita ad immagini, visioni e colori.Minimi, impercettibili e fortuiti slittamenti guidati da un “semplice” mantra: Il titolo è l’opera, l’opera è il titolo.

Paloma Art Project porta questo lavoro all’interno di spazi abitativi catturando, insieme all’artista, quel continuo ed impercettibile mutare di forme e colori su carta da parati, dando così vita ad un’esperienza quotidiana e casalinga.

Le incisioni dei Sassi Pelati si trasformano, a quel punto, in un opera muraria libera e svincolata da schemi preesistenti, dove, per ogni spazio in cui viene posizionata l’opera, l’artista reinventa la sua composizione interna fino ad arrivare ad una completa ed unica rielaborazione dell’opera stessa.

Il disegno che si viene a creare sulla parete prende le distanze dai concetto di serialità: non è né un pattern né un progetto legato a dei multipli di opere uguali, ma un lavoro in grado di rigenerarsi continuamente.

Una parete formata da morbide forme di colore rosso acceso, che richiamano le origini dell’artista che rappresentano infatti, o pomodori pelati di cui l’artista foggiano ribalta la visione, indicando allo spettatore la pura forma – per lui quella di un sasso – e il colore di un elemento, in fondo, quasi quotidiano: pomodori sintetizzati e raffigurati dall’alto.

Sassi Pelati è un opera dinamica che entra negli ambienti e si riadatta a seconda dello spazio che la ospita integrando lo spazio stesso in quel gioco armonico di forme che va dalla mente dell’artista a quella dello spettatore: un viaggio continuo tra mondi.

Per ogni spazio una composizione unica e irripetibile.